I difetti visivi in età infantile possono sorgere in qualsiasi momento. Per questo non esiste un’età giusta per portare il vostro bambino dall’oculista. Individuare precocemente un’anomalia permette di curarla più velocemente, ripristinando il benessere degli occhi. Vediamo allora i maggiori difetti visivi dei bambini e come scegliere gli occhiali da vista giusti.

I difetti visivi: ipermetropia, miopia, astigmatismo, occhio pigro

Sin dalla tenera età si può andare incontro a difetti visivi. I disturbi possono essere di varia natura, i più comuni sono le cosiddette ametropie, ovvero i cambiamenti nello sviluppo dell’occhio dei neonati. L’ametropia può essere assiale o astigmatica. Quella assiale consiste in una scarsa visione da vicino (ipermetropia) o da lontano (miopia). Entrambe si correggono portando occhiali da vista da controllare periodicamente. Il secondo tipo (astigmatismo) consiste in una visione deformata. Questo difetto deve essere monitorato e trattato con lenti specifiche. C’è poi anche l’occhio pigro, o ambliopia, un disturbo che non dipende direttamente dall’occhio ma dal cervello, e prima si interviene più possibilità ci sono di correggerlo.

bambino-stropiccia-gli-occhi

I segnali che indicano un potenziale disturbo visivo

Saper interpretare i campanelli d’allarme è importante per capire se il vostro bambino soffre di un qualche disturbo legato alla vista e agire tempestivamente. Un genitore può accorgersi dei difetti visivi da alcuni segnali. Come ad esempio lo strizzare o stropicciarsi continuamente gli occhi, sia quando legge che quando guarda la tv o un monitor. Bisogna fare poi molta attenzione alla lettura: se il bambino salta alcune parole o righe intere o se ha difficoltà nella lettura alla lavagna, questi sono altri segnali da prendere in considerazione. Anche il mal di testa è un sintomo legato ai difetti visivi, come pure la sensibilità alla luce.

Come scegliere gli occhiali da vista giusti

Per proteggere gli occhi è importante scegliere gli occhiali da vista giusti per i bambini. La prima cosa è coinvolgerli nella scelta della montatura, il primo passo nel processo di accettazione del difetto visivo. Vostro figlio vivrà questo momento non come un’imposizione ma come un divertimento, e sarà più contento di indossare i suoi occhiali. Da vista ma anche da sole, perché gli occhi vanno protetti anche dai raggi UV. Trattandosi di bambini, poi, è fondamentale scegliere occhiali dalla montatura infrangibile. Maggiore è la qualità degli occhiali maggiore sarà la sicurezza e la protezione del vostro bambino.

NanoVista Glow