Le reazioni allergiche che coinvolgono anche gli occhi, di solito riguardano l’esposizione o il contatto con sostanze verso cui si ha una particolare sensibilità. Di norma infatti si tratta di smog, fumo, polvere, peli di animali, spore o pollini, muffe o ad anche una cattiva interazione tra lenti a contatto e trucco. Tra gli effetti principali ci sono: lacrimazione occhi, prurito, bruciore e arrossamento. Eppure le reazioni allergiche agli occhi a volte hanno altra origine. Esiste infatti un diretto legame tra occhi gonfi e allergia alimentare. Parleremo quindi dei cibi da evitare e di quali sono i rimedi per alleviare questi disturbi.

Occhi gonfi e allergia alimentare: qual è il nesso?

Una qualunque reazione allergica si manifesta coinvolgendo in diversa misura tutto il corpo. Di conseguenza, un cibo capace di creare disagio all’organismo, provoca problemi digestivi ma anche numerosi altri disturbi. Spesso infatti si hanno effetti sulle vie respiratorie (tosse, affanno…), sulla pelle (eruzioni cutanee, dermatiti…) o sugli occhi (congiuntiviti, blefariti…). Ecco spiegato il nesso tra occhi gonfi e allergia alimentare. A peggiorare la situazione ci sono pure le sostanze con cui gli occhi entrano in contatto, attraverso un banale sfregamento, dopo aver toccato i cibi.

Questione di istamina

L’allergia è una reazione abnorme del sistema immunitario in presenza di agenti considerati dannosi dall’organismo. Si attivano dunque degli anticorpi specifici chiamati Mastociti. Questi ultimi rilasciano un composto di nome Istamina, che scatena i processi infiammatori. È quindi l’Istamina che provoca dilatazione o restringimento dei vasi sanguigni e bronco costrizione. Da qui il legame tra occhi gonfi e allergia alimentare, come pure con altri sintomi quali asma, tosse e riniti.

Dieta per evitare occhi gonfi e allergia alimentare

I rimedi alle allergie stagionali, perfino in autunno, sono principalmente farmaci, colliri e alcuni comportamenti preventivi. Quando però si tratta di evitare occhi gonfi e allergia alimentare, si ha qualche carta in più da giocare. In questo caso infatti è possibile adottare una dieta apposita, scegliendo o riducendo cibi ad hoc. Bisogna però distinguere gli alimenti che contengono direttamente Istamina, da quelli che pur non avendone, ne favoriscono il rilascio nel corpo.

Cibi ricchi di Istamina. Per ridurre al minimo il rischio di occhi gonfi e allergia alimentare occorre escludere del tutto: insaccati, formaggi fermentati, pomodori, tonno, sgombro, sardine, alcolici, superalcolici e carni in scatola.

Cibi privi di Istamina ma attenzionati. Alcuni alimenti non contengono il “composto incriminato” eppure ne favoriscono la produzione nell’organismo. Questi prodotti sono nel dettaglio: fragole, cioccolato, agrumi, banane, meloni, albume, frutta secca, carne suina, molluschi e crostacei.

Per fortuna esistono anche sostanze naturali che riducono il processo infiammatorio. Contro occhi gonfi e allergia alimentare sono efficaci ad esempio: Camomilla, Liquirizia, Alga Spirulina, Zenzero, Curcuma, Ribes Nero, Tè verde e Quercetina. Quest’ultima si trova in abbondanza nelle mele, nelle cipolle, nei broccoli e nel prezzemolo.