Abbiamo già parlato di ginnastica oculare o visual training, come soluzione per allenare la muscolatura degli occhi e favorirne il benessere. Dunque gli esercizi per migliorare la vista funzionano davvero? Attualmente non esistono evidenze mediche che queste procedure, da sole, siano sufficienti a risolvere disturbi visivi più importanti. Tuttavia rinforzare le strutture responsabili dei movimenti e micro movimenti oculari, è sicuramente utile a mantenerli in forma.

Infatti c’è uno stretto legame tra qualità della visione e tono muscolare oculare. La dimostrazione sta nella quotidianità. Al termine di una giornata di lavoro, anche chi dispone di una vista perfetta accusa sintomi come visione offuscata o sfocata. La ragione è il super lavoro svolto dagli occhi. I muscoli oculari “stanchi” diventano meno attivi ed efficienti, pur essendo assolutamente sani. L’epoca moderna si distingue inoltre per l’uso intensivo di dispositivi digitali che portano ad una sovra stimolazione dei suddetti muscoli. Quindi gli esercizi per migliorare la vista si rivelano dei preziosi alleati per la salute dei propri occhi.

Ecco la “scheda” degli esercizi per migliorare la vista

Senza indugi passiamo a descrivere alcuni esercizi per migliorare la vista da fare in autonomia.

Training 1. Tenere il dito indice di una mano a circa 20 centimetri dagli dal viso. La scelta della mano dipende dal proprio occhio dominante, quindi meglio sapere in anticipo qual è il proprio. Quasi sempre si tratta del destro ma si consiglia di verificarlo con semplici manovre di pochi minuti. Fissare dunque il dito e poi spostare lo sguardo su oggetti o superfici distanti almeno 3 o 4 metri. Tornare a fissare il dito e ripetere la sequenza per 10 volte. Riposare un paio di secondi svolgendo 3 serie di questo esercizio. Il movimento oculare sarà rapido e costante.

Training 2. Da seduti in posizione composta ma rilassata, fissare una parete e spostare lo sguardo dall’alto verso il basso in una sorta di “pennellata”. Ripetere per 10 volte per 3 sequenze con pause di un paio di secondi. Il movimento è lento, da un estremo all’altro del campo visivo però senza sforzo. L’efficacia di questi esercizi per migliorare la vista è verificabile fin da subito. Infatti ad ogni serie si riuscirà a guardare sempre più in su e in giù. La ragione è che man mano i muscoli oculari interessati si rilassano e acquistano quindi maggiore elasticità. Lo stesso esercizio si può eseguire muovendo gli occhi da destra a sinistra (o viceversa) e in senso circolare.

Quando gli esercizi per migliorare la vista non bastano

La premessa fondamentale di questo articolo è l’essere consapevoli che la sola ginnastica oculare può non essere la soluzione definitiva e non è sempre efficace. Infatti gli esercizi per migliorare la vista danno maggior beneficio principalmente quando la condizione del soggetto non è compromessa da deficit importanti. Dunque un miope, per quanto si impegni a rinforzare la propria muscolatura oculare, resterà comunque miope.

La ragione è che il problema è di natura rifrattiva. Si può correggere o alleviare il difetto con il visual training, ma queste tecniche hanno dei limiti. Prima di svolgere uno qualunque degli esercizi per migliorare la vista, si consiglia di rivolgersi ad uno specialista per valutare la propria situazione. In caso di miopia, astigmatismo o altra problematica conclamata, il medico prescriverà quindi l’uso di occhiali o lenti a contatto personalizzate, con la giusta gradazione e centratura. Queste precisazioni sono fondamentali per non ingenerare false aspettative. Come accennato, non esistono riscontri che con la sola ginnastica oculare si “guarisca” da ogni disturbo, senza dispositivi oculistici o interventi chirurgici.