Il collirio o qualsiasi altro prodotto liquido, come gocce o lacrime artificiali, che va inserito nell’occhio richiede piccoli movimenti ma ben misurati per essere sicuri di immettere la giusta quantità di prodotto e di non inquinare il beccuccio della confezione in caso di infezioni. Il collirio e le gocce medicamentose sono utilizzati per curare alcune patologie particolari o dopo alcuni interventi; le lacrime artificiali invece sono usate specialmente da coloro che indossano le lenti a contatto, o da chi soffre della sindrome dell’occhio secco. Il fastidio dell’occhio asciutto può compromettere la qualità della vista e della visione, l’utilizzo di prodotti specifici dona un sollievo immediato ed è un valido supporto per coloro che soffrono di allergie, irritazioni e disidratazione. Lubrificare gli occhi diminuisce il senso di bruciore o prurito, rimuove lo sporco e la polvere e rende meno sfocata la visione. Ma c’è un modo corretto di mettere il collirio o le lacrime artificiali negli occhi, vediamo qual è.

Come mettere il collirio

Qual è il modo migliore per mettere il collirio ed evitare sprechi di prodotto? Quando si ha a che fare con gli occhi è sempre necessario prima di tutto avere le mani pulite e asciutte. La prima operazione, quindi, è quella di lavarle accuratamente. Poi è bene prendere un batuffolo di cotone o della carta, sedersi e inclinare leggermente la testa, posizionando il mento all’insù.

Per inserire il collirio eseguire i seguenti movimenti:

  1. Sguardo rivolto verso l’alto, con una mano tenere la boccetta del collirio (che andrà prima agitata e aperta) e con due dita dell’altra mano abbassare la palpebra inferiore;
  2. Utilizzare la mano non dominante o la fronte come base di appoggio per la mano che tiene il prodotto, in modo da avere maggiore stabilità e a questo punto girare il flaconcino e applicare una o due gocce nell’occhio ben aperto; prestare attenzione affinché il beccuccio non tocchi l’occhio e lasciare cadere la goccia da una breve distanza per essere sicuri di non farla cadere al di fuori dell’occhio;
  3. Chiudere per qualche secondo l’occhio per far distribuire bene le gocce, evitando di stringere in maniera eccessiva le palpebre e far uscire il prodotto;
  4. Ripetere tutti i passaggi per l’altro occhio;
  5. Non pulire il beccuccio del flacone, nemmeno con la carta, per evitare di contaminarlo, richiudere il prodotto una volta terminato il tutto.

I consigli di Ottica Vasari

Se dovete acquistare delle lacrime artificiali, è bene sapere che in commercio esistono diversi prodotti di differenti marchi, ma per qualsiasi consiglio specifico è bene rivolgersi al proprio ottico di fiducia per essere sicuri di acquistare un prodotto compatibile con le proprie lenti a contatto.

Nel caso di colliri, invece, c’è sempre una prescrizione del medico oculista in base al tipo di problema da curare. L’importante è imparare la tecnica per applicare al meglio il prodotto, facendosi spiegare anche le caratteristiche e la consistenza del collirio. Nel caso si dovessero utilizzare più prodotti, è necessario attendere qualche minuto prima di applicare il secondo per dare tempo all’occhio di assorbire bene il primo collirio inserito. Alcuni colliri possono non essere adatti all’uso se si indossano le lenti a contatto, per cui vanno tolte prima di ogni somministrazione. In ogni caso, è bene farsi dare tutte le indicazioni dal proprio medico.