Quando non riusciamo a mettere bene a fuoco da lontano, tendiamo a strizzare un po’ gli occhi per vedere bene: questo a vuol dire che soffriamo di miopia. Si tratta di un difetto della vista molto diffuso che provoca una visione sfocata di un oggetto che si trova a una certa distanza da noi.

Cos’è la miopia

La persona che soffre di miopia riesce a vedere bene da vicino, ma è penalizzata nell’osservare ciò che si trova in spazi profondi, perché lo percepisce in modo indistinto. L’entità della miopia ci dà la misura della visione a distanza, per cui più è elevata la miopia e più è ridotto l’orizzonte visivo chiaro.

La miopia si divide in:

  • lieve che va tra -0,25 e -3,00 diottrie
  • media compresa tra -3,25 e -6,00 diottrie
  • elevata da -6,25 in poi.

Esistono anche miopie molto gravi oltre le 20 diottrie, in questo caso possono esserci conseguenze importanti per la funzionalità oculare.

Per prenotare una visita optometrica gratuita Ottica Vasari

Cosa incide su questo difetto visivo

A incidere sulla miopia, che è un difetto molto diffuso della vista, c’è sicuramente una componente ereditaria (e in molti casi si presenta sin dalla tenera età), ma oggi come oggi è anche lo stile di vita. La scolarizzazione e l’uso delle tecnologie hanno accentuato le problematiche legate agli occhi: lo studio (soprattutto negli adolescenti), pc, tablet e smartphone oltre ai videogiochi hanno accentuato lo stress visivo modificando la struttura oculare, che allungandosi rende l’occhio miope.

Leggi anche: Smart working, come proteggere gli occhi dai device

Molti studi hanno accertato che alcune popolazioni, dove è meno diffusa la tecnologia, e coloro che svolgono attività lavorativa all’aperto, non legata quindi all’uso di dispositivi elettronici e a luci artificiali, accusano meno problematiche agli occhi.

Come si corregge

La miopia prima di tutto viene diagnosticata dall’oculista, che in base all’età e alla gravità, trova la soluzione migliore per restituire una vista corretta. Gli occhiali da vista e le lenti a contatto sono sicuramente la soluzione più immediata, ma in alcuni casi è possibile anche intervenire chirurgicamente previo consulto medico.

Leggi anche: Occhiali da vista donna 2021: nuovi stili di tendenza