La sindrome dell’occhio secco è un disturbo oculare dovuto a una scarsa produzione della ghiandola lacrimale. Un disturbo molto comune e fastidioso, che provoca bruciore, arrossamento, prurito e quella strana sensazione di “sabbia negli occhi”.

Secondo l’allarme lanciato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, la sindrome dell’occhio secco è “tra i più ignorati e sottovalutati disturbi della società moderna”. In Italia colpisce il 90% delle donne in menopausa e il 25% della popolazione over 50.

occhio-secco-donna

Leggi anche: Prendiamoci cura dei nostri occhi in sette mosse: difendiamoli da display e luce blu

Cause fisiologiche o ambientali

L’occhio secco può dipendere da molti fattori, che possono essere di ordine fisiologico “naturale”, come l’invecchiamento, ma può generarsi anche per motivi diversi. Disfunzioni metaboliche e ormonali, stress, alimentazione e stili di vita sregolati (soprattutto dormire poco), una prolungata esposizione a display e monitor (tv, smartphone, tablet o computer), sono tutti fattori fisiologici legati a uno “squilibrio”, che può dipendere da una patologia, oppure da un nostro comportamento sbagliato, che causa affaticamento visivo.

Tra le molte cause che scatenano la sindrome dell’occhio secco, vi sono anche i fattori ambientali. Primo fra tutti il riscaldamento globale, che negli ultimi anni sta cambiando le condizioni climatiche dell’intero pianeta con danni evidenti sulla nostra salute. Il caldo e la siccità crescenti, dovuti all’inquinamento e all’emissione di gas di scarico, hanno conseguenze dirette sulla vista, aumentando l’insorgenza dell’infiammazione delle mucose, causa della secchezza oculare.

inquinamento

Rimedi e buone abitudini per evitare il disturbo

Nonostante l’ambiente circostante non aiuti a prevenire la sindrome dell’occhio secco, ci sono molti rimedi e accorgimenti che si possono adottare per difendersi dall’insorgenza di questo disturbo, a meno che non si tratti di una vera e propria patologia. Innanzitutto, abituiamoci a rispettare alcune buone abitudini per uno stile di vita sano:

  • bere almeno 2 litri di acqua al giorno
  • praticare una corretta alimentazione
  • dormire almeno 8 ore a notte
  • evitare l’uso eccessivo di display e monitor

Questi piccoli accorgimenti ci aiuteranno a prevenire l’insorgere di disturbi agli occhi (secchezza, arrossamento, infiammazione, prurito, visione offuscata). A volte basta poco per evitare grandi fastidi, come indossare un paio di occhiali da sole per ripararsi dai raggi UV e dal vento.

occhiali-da-sole

È il mese della prevenzione: approfittiamone!

Questo è il periodo migliore per approfondire e curare il disturbo dell’occhio secco, approfittiamone. Dall’8 maggio al 14 giugno, grazie alla Campagna di Prevenzione e Diagnosi dell’Occhio Secco, è possibile prenotare uno screening gratuito nella città più vicina. Sedici centri di eccellenza universitari e ospedalieri su tutto il territorio nazionale hanno aderito al mese della prevenzione, e saranno disponibili per effettuare su prenotazione degli esami diagnostici, che consentono di individuare anomalie nel sistema lacrimale e fare eventualmente diagnosi più approfondite.

Leggi anche: Tempo di allergie: prendiamoci cura dei nostri occhi